Er capiscione

58

De lingua sciorta ar pari de Platone,
e ’na curtura degna der Sapegno,
bisogna riconosce che ’sto fregno
tra più torzetti è l’unico torzone.

Esperto de finanza e de pallone,
e de quer tanto che richiede ingegno,
nu’ sta mai zitto pe mostrasse degno
d’esse conziderato un capiscione.

Si trova un solo tizzio pe uditorio,
lui je se fionna addosso a peso morto
e inizzia, sarvognuno, er concistorio.

Poi s’aggita e s’addanna, ma è felice,
convinto che nisuno se n’è accorto
che parla, ma nun sa che cazzo dice!