Arte vincente

77

Li quattro sordi der vitalizio ch’aveveno ridotto Ilona Staller a rincore pe via contenziosa er minimo esistenziale, che benanco l’esiguità de la somma aveva suscitato riserve caciarone in quarche amprificazione mediatica, nun avrebbe più da servì: sur riconoscimento pe lo svorgimento der mannato parlamentare prevale quello pe l’attività artistica. La casa d’aste Sotheby’s New York ha riconosciuto a la diva der cinema hard, che vò destinà parte der ricavato a le famije italiane corpite da l’emergenza sanitaria. dieci mijoni de dollari, appett’a ’na richiesta de ventuno, più due p’er legale suo Luca Di Carlo, noto come l’avvocato der diavolo. La contesa era nata pe l’utilizzo nun autorizzato de quarche foto de l’attrice ne la serie «Made in Heaven», concepita dar marito Jeff Koons pe faje omaggio stimolanno l’eccitazione intellettuale. L’opere d’arte so’ state esposte in tutt’er monno e hanno raggiunto quotazioni che vanno tra l’unnici e li quinnici mijoni d’euro.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Ilona Staller con Jeff Koons