Ar sinnaco

111
di Giggi Spallacci

’Sti du’ versacci vanno ar Campidojo
portanno er sentimento der poveta
che co’ ’na rima alata e un po’ faceta,
fatta de «strafottino» e tanto orgojo,

canta de Roma nostra e dice: vojo!
Vojo contà le buche su le deta,
vojo er tergicristallo senza er «fojo»,
che ’sto metrò sia un’opera compreta.

Vojo ’sta capitale veramente
tutta pulita, senza scritte ar muro,
sempre più bella, sempre più atttraente.

Si questo succedesse, ve lo giuro
che a li «sonetti» che me tengo in mente
ce levo mezza dose de cianuro!

Articolo precedenteRoma
Articolo successivo