Ar novello Cacini

61
di Iside Martufoni

Visto l’atteggiamento da inzegnante,
unito a un certo vezzo dannunziano,
se perde tra er dialetto e l’italiano:
così dimostra si quant’è ignorante.

Quarmente a chi se spaccia pe gigante
e nun se renne conto d’esse un nano
cià sempre er sillabbario tra le mano,
percui se sente ancora più importante.

Ha messo a la berlina Ripiscetto
in modo indegno, senza arcun decoro,
e ’sto comportamento nu’ l’ammetto.

Ma scrive quer sonetto pe sollazzo,
eppoi trattallo da capolavoro,
nisconne er fatto che nun vale un cazzo.