Er titolato

52
di Mario Ferri

S’avantava ched’era un signorone,
diceva che faceva l’avvocato,
che ciaveva lo stemma de barone
e che er padre era puro deputato.

Lui te faceva sempre ’sta funzione
in modo così bene preparato
che, ner sentillo, dava l’illusione
che fusse pe’ davero titolato.

Poi nu’ l’ho visto più per un pochetto
e, pe’ quanto l’avessi domannato,
nun ho saputo gnente pe’ un mesetto.

Quanno ieri lo viddi a li Parioli
che se magnava, come ’n affamato,
un pagnottone pieno de facioli.