Ar Giannicolo

56
di Giordana De Sanctis

E cammino tra li viali arberati
quanno, improviso, m’appare a cavallo,
maestoso,
l’eroe glorioso.
Cor dito t’insegna e pare che dica:
– Nun t’allargà,
ché posso aritornà! –
Li busti in marmo de tanti compagni,
chiamati da la storia e mai scordati,
je fanno compagnia.
Me giro, m’accosto ar muretto
e rimango stupefatta:
quant’è bella ’sta città,
guardannola da qua!
Se vede da lontano er Quirinale,
l’artare de la patria, er palazzaccio
e li monti tutti attorno
a faje da contorno.