Ar dialetto chiacchierone

47
di Iside Martufoni

Datosi che tu chiacchieri un po’ troppo,
sibbè co la dovuta discrezzione,
si tratti Babbuccetto co le bone,
ne devi convenì che prima o doppo,

senza volello, trovi quarche intoppo
da fatte rimané come un cojone;
da’ retta a me che fo parlà er bastone
ar posto de la penna e te ciaccoppo.

Se invece penzi a lui comne poeta,
e credi che sia un Belli rincarnato,
dico che ciai ’na malatia segreta.

Antro che inzegnamento programmato!
Te sto a parlà d’un mezzo anarfabbeta
e Babbuccetto in questo è rinomato.