Er sarto

28
di Eugenio De Chiara

È ’n sarto forestiero pariggino
e cià er labboratorio a via Montello;
si fa ’n vestito pare un manichino
e quanno te lo metti sta a pennello.

Lavora solamente pe’ passione
e avesse da vedé, signora mia:
lo fa co’ tanto amore e precisione
che manco si studiasse ingegneria.

È scrupoloso in modo esaggerato!
M’ha fatto sto «tajer»; sinceramente
nun fa ’na grinza: guardi er pieghettato.

Je basti da sapé, cara signora:
pe’ misuramme er petto solamente
cià messo, se pò dì, tre quarti d’ora.