Aprile

70

Aprile mette fine a l’invernata
e rinverdisce li giardini in fiore.
La capinera canta er propio amore,
er sole spazzia e indora la vallata.

La vigna è pronta a ripijà vigore
e regna ne la piana sconfinata;
la guazza ingemma l’erba appena nata
e fionna echi de luce e de colore.

Er glicine, attaccato a la ringhiera,
sfoggia li primi grappoli violetti
che danno attorno odor de primavera.

’Na rondine s’invola ner turchino,
sfreccia rasente l’arberi e li tetti…
e io torno a sognà come un bambino.