A Masteghino gradiatore finto

96
di Giggi de Tormarancio

Sappi che la centuria cispadana,
formata da valenti polentoni,
io me la magno a mozzichi e bocconi
e la distruggo in mezza settimana.

Ma quanno mai ’na banda de tromboni
pò fà paura a un’aquila romana,
che appena attacca è come ’na fiumana
che se sparpaja in tutti li cantoni?

Tu cerchi de passà pe gradiatore
da tanto tempo, ma nun sei a l’artezza:
t’amanca l’intelletto e un po’ de còre.

Nun ciai dimistichezza co la rima
e si ciazzecchi sbuzzichi monnezza;
da’ retta, lassa perde, famo prima.