A casa comanno io

123
di Giancarlo Parodi

Come sarebbe a dì? Me fa piacere
si me venite a tròva, santiddio,
a casa mia comanno ancora io
puro si ciò ’na moje brigadiere.

Nun c’è trippa pe gatti, grazziaddio,
e s’io nun vojo quer carabbignere
nun arza lecco, manco fa penziere
e nun se move pe nun fa fruscio.

So’ duro, so’ gajardo, so’ ruzzante
e co le donne nun ce scegno a patti
che le manno a fà fotte tutte quante.

Co me se sciala poco e nun se balla
e, si ce sta da risciacquà li piatti,
pretenno quanto meno… l’acqua calla!