Er trombone

74
di Bortolo Masteghin

Trombone, Giggi mio, sarà tu’ nonno
e tutto er vostro nobbile casato!
Io nun volevo, ma me so’ incazzato
e adesso, invece, vojo e t’arisponno.

Te credi, forzi, d’esse re der monno?
Fai tanto er superomo navigato:
tu qui, tu là… Ma vammoriammazzato!
Anzi, da’ retta a me: vatte a fà un sonno,

perché, si sputacaso resti svejo,
te metti a scrive inzino a l’indomani,
percui si dormi, nun ce piove, è mejo.

Sarebbe bello si tornassi a scola,
visto che sei l’istesso a certi cani:
t’amanca solamente la parola!