Viva la tivvù

138

ER QUARTINO DE GARBARINO

La sera, a la tivvù, sai che ho notato?

Che subbito m’abbiocco e pijo sonno.

Doppo me svejo, me soride er monno

e vado a letto bello e riposato.