Roma d’estate

17

Oggi c’è un’aria limpida e tranquilla
che odora de violette e biancospino,
le rondinelle segneno er turchino
d’ale distese ar sole che sfavilla.

D’estate Roma mia pare un giardino,
ogni colonna sprizza ’na scintilla
de vita e ’sta grannezza pòi scoprilla
dar segno dell’età sur travertino.

Me piace attraverzà li vicoletti,
guardà li palazzoni affumicati
slongasse immezz’ar celo co li tetti.

E ritrovà la gioia in un momento,
davanti a ’sti spettacoli affatati,
pe vince l’amarezza che ciò drento.