Rimpianto

90
di Andrea Salzano

Penso a la prima vorta che t’ho visto,
m’hai dato un’emozzione senza uguali,
co te io me sentivo scoppià er còre…
Nun so’ come tu vòi, scusa se inzisto.
Ammalappena canti, soni e balli,
o quanno se inebbriamo come pazzi,
io vivo dentro a mille e più romanzi
e ancora soffro si me torna in mente
la mano mia che strigne quella tua.
E adesso vojo stà co te ’stanotte,
pensà che sarai mia tutta la vita,
restà qua dentro senza via d’uscita,
a ride e piagne fino a ch’è domani.
Me pento, sai, de tutto quer che ho fatto;
nu’ me resta che scrive ’na poesia.
Nun ciò più te, dannata gelosia!
So bene che «co te tutto è perfetto».