Periferia

54
di Paolo Buzzacconi

Periferia de prati, de cantieri,
de campi de pallone arimediati,
de cocci, de monnezza, de drogati,
de muri inciafrujati de penzieri.

Periferia de sogni, quelli veri,
de giorni tutti uguali, imprigionati
de ladri, de mignotte, de sfrattati,
de vite che er domani pare ieri.

Periferia dell’anima che è nera,
de li ricordi ’ndò se perde er còre,
de la coscenza che nun è sincera.

Periferia che è rabbia, che è dolore,
sole che spacca e vento de bufera,
ma che, ’ndò scavi scavi, trovi amore.