Peppe nun m’incanta

52
di La sora Peppa

Che Peppe ciabbi detto «Bon Natale»
so’ tre le cose: o sotto c’è un trucchetto,
oppuro è diventato un chirichetto;
o, peggio, cià ’na piattola mentale.

Ma forzi la raggione principale
andrebbe data ar solito goccetto
che a lui je piace tanto, poveretto,
e nun s’accorge quanto je fa male.

Comunque nu’ me va che s’aruffiana,
ner mentre me dovrebbe chiede scusa
pe via che m’ha trattato da befana.

Je la darebbe io ’na tortorata,
ma dato che ha la testa un po’ sconfusa
aspetto che je passi l’intoppata.