Lei se la canta e se la sona

56
di Nando der Tufello

Benanche sforzi tanto la raggione
e facci intervenì la fantasia,
nun basta pe capì come che sia
possibbile dà vita a tale unione.

Su l’isoletta assieme a Martufone?
Su l’isoletta assieme a quell’arpia?
’Mbè, pe ’stavorta addopro l’ironia,
sinnò vengo spacciato pe cafone.

Intanto a lei nu’ je s’accosta un cane,
percui mettesse er freno a certi ardori,
ché l’ommeni nun vanno pe befane.

Co tutto che se sente tanto bella,
e avanta nun so quanti ammiratori,
è acida, antipatica e… zitella!