La vecchia de Trestevere

83
di Virginia Ceccarelli

Ner vicolo de casa mia
c’è ’na vecchietta che me spia.

Dellà da la finestra, matina e sera,
se sfoja l’anime de li passanti,
s’inventa le storie e ride da sola.

La vecchia, intanto, pensa tra sé:
«Chissà oggi chi viè e chissà perché».
La guardo pur io e me chiedo tra me:
«Chissà si è felice o si soffre e perché».

Un giorno de marzo
me svejo, me arzo, m’affaccio a guardà,
nun trovo quell’ombra… Chissà dove sta.

Osservo più mejo e m’accorgo, che strano,
c’è solo un ricordo:
’no sguardo lontano.

Rivivo quer tempo
e me tremeno invano
le mano e li pensieri.
So’ giorni passati…
Mo la finestra è vòta
e sotto la vita se svòta.