La svenevole

37

Ho visto che ’na tizzia, in trasmissione
tivvù, se sia pe fame o pe spavento,
pe un tarlo che la rosica de drento,
o quarche ucello che je se rimpone,

come ched’è, je viè lo svenimento:
sarà perché je s’arza la pressione?
Comunque casca in d’una posizzione
che mette immostra più d’un argomento.

Così che, sarvognuno, ha fatto un botto,
mentre cascava a tera, poveraccia,
da somijà a un mucchietto de pancotto.

E proprio in quer momento, a l’improviso,
invece de mostrajese la faccia,
je se vedeva tutt’er… paradiso.