La sora Peppa è innammorata

59
di Nando der Tufello

Sora Peppì, ve posso dì ’na cosa
senza bisogno che v’ariscallate?
Ce vò un cervello svejo in testa a un vate;
er vostro, francamente, se riposa.

Lassamo stà che sete un po’ invidiosa:
dite che noi scrivemo le stronzate
mentre che a voi ve sorteno a palate;
ma er punto vero è un antro, sora sposa.

Si io ciavessi er don de l’indovino
e ve dovessi fà ’na predizzione
direbbe che ve piace Masteghino.

E allora, alè, formate un po’ ’sta coppia,
così qualunquesia composizzione
che fate assieme è ’na stronzata doppia.