La sonnambula

34
di Fernando Ciolli

– Signori, pe’ du’ sordi io ve so dire
Tutti quanti li vizzi e le virtù:
io conosco ir passato e l’avvenire,
tutto quello ch’è stato e quer che fu.

Ve so dì si ciavete mille lire
o se la panza ve sta a fà glu-glù;
ve so dì si l’amore è per fiorire
o colei che v’amò nun v’ama più.

– Piantela co’ le chiacchiere, perbìo!
Avanti, annamo, su, sangue d’un fico:
indovineme un po’ si chi so’ io!

– Prima de tutto annamo co’ le bòne;
poi dateme du’ sordi e ve lo dico.
– Eccheli: bè, chi so’? – Séte un frescone!