La mastra impiccia

22
di Giggi de Tormarancio

Io, sora Peppa mia, nun ho afferato
si sete un avvocato difenzore
che fa la propia aringa cor tortore
fìno ar momento che nun ha menato.

Oppuro avete er vizzio disgrazziato
d’esse ’na mastra impiccia de bon core,
co la pretesa de levià er dolore
a quarche amico che viè martrattato.

È inutile parlà de Martufoni:
ha fatto ’na proposta indecorosa
e voi ce state a rompe li cojoni!

Tufello è ’na perzona che sta zitta;
ma io, si voi me fate la scontrosa,
ve manno a quer paese dritta dritta.