Er vero amore

27

Pe contaddimme Cosima è maestra:
tra de noi dua c’è sempre un gran divario.
Dico ’na cosa? Lei sostiè er contrario.
Vado a sinistra? Lei procede a destra.

Me va la pasta? Lei fa la minestra.
Poi se parlamo appena er necessario;
così, pe mette fine a ’sto carvario,
la farebbe zompà da la finestra.

Ma quanno la martratto me ne pento;
allora me l’abbraccio, l’accarezzo
e subbito me passa e’ rodimento.

Quello che conta, a parte certe scene
de stampo fumantino, è che l’apprezzo.
E sai perché? Perché je vojo bene!