Er rito a dieciott’ora

109

LI STORNELLI DER SOR BRUNO

VENTINOVE

E mo, ’gni sera, verso le dieciotto

ce fanno un renniconto dettajato:

quanti ammalorcicati, quanti sotto,

quanti (però che culo!) hanno sfangato.

Ner sentì che li spippati

so’ vecchietti e malannati

er ceto anziano

se gratta un certo posto co du’ mano.