Er cavaliere rugantino

52

Dicheno che m’ho da scanzà de lato,
quarmente a lo zerbino d’un palazzo,
come ’na cosa che nun vale un cazzo;
un tale affronto nu’ m’è mai toccato.

Io che, in definitiva, ho stracinato
er centrodestra a miete voti a sguazzo;
io, che so’ sempre stato er più der mazzo,
ricevo un carcio in culo immeritato.

La cosa, ve confesso, me fa male;
però me chiamo fora e so’ contento
de nun creà ’na crisi nazzionale.

Sibbè sia chiaro, e nun ce stanno santi:
intanto li sfiducio in parlamento,
eppoi manno affanculo tutti quanti!