C’è poco da ride

105

LI STORNELLI DER SOR BRUNO

CINQUANTA

Forse ho peccato un po’ de prosunzione:

er male resta e la paura è tanta;

nun se vede la fine der magone

e sto viraccio sfarcia e se la canta.

Chi rideva de l’Itaja

piagne adesso e strilla: Aja!

Io nun ce rido:

lo so come se sta sopra a lo spido.