Bona educazione

77

Se celebra la prima giornata internazionale de l’educazione intesa come fattore centrale p’er benessere umano e lo sviluppo sostenibile. L’assemblea generale de l’Onu fissa la data der 24 gennaro e rileva che senza garantì ’n’istruzione de qualità equa e inclusiva e senza offrì a ciascheduno adeguate opportunità pe tutta la vita li paesi nun riusciranno mai a raggiugne l’uguajanza de genere e a rompe er ciclo de la povertà che sta a lassà indietro mijonate de regazzini, gioveni e adurti. Ma è pure tempo d’ariconosce la dignità e de li diritti de chi fa ’n’attività senza fissalli a forme fora de la realtà: la suprema corte italiana, dietr’a ’na precisa scerta legislativa, dà ragione a cinque fattorini torinesi pe le consegne a domicilio e applica pe loro le stesse garanzie che cianno li lavoratori dipennenti; li soggetti in condizioni de debolezza economica, pure si lavoreno drento ’na zona grigia tra autonomia e subordinazione, meriteno ’na tutela uniforme.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: rider a Milano