Ar Dialetto rimbambito

20
di Peppe er Greve

Macché m’hai preso pe ’no scribbacchino,
pe l’urtimo arivato, p’un de quelli
che sanno appena fà li bastoncelli
e sficheno fregnacce dar boccino?

Io so’ er maestro, l’unico, er divino,
er sommo tra li sommi e, a parte er Belli,
er solo, tra li tanti scrittorelli,
che sa mutà li verzi in oro fino.

Quello che scrivo è d’una tar bellezza
che appena è spubbricato sur giornale
è raro che ce sia chi nu’ l’apprezza.

Allora, sor Dialetto, vacce piano
cor criticamme: tanto a che te vale
si l’urtima è la mia, da bon romano?