A te

81
di Chiara Iagnocco

A te, che sei città eterna e santa;
a te, che m’ami e nu’ me lassi mai;
a te, che sei pe me come ’na mamma,
che m’hai cullato infino da l’infanzia:
a te devo esse grata pe la vita,
perché m’hai dato tanti insegnamenti.

E mancomale che so’ nata qua;
nun potrebb’esse in nessun’antra parte.
So’ tanto fiera d’esse ’na romana
d’animo e de còre e nun nisconno
che qui vojo passà la vita mia,
perché te vedo come ’na regazza.
Roma mia bella, tu me manni pazza!