Voce de patria

162
RUGANTINO n. 12860 del 26 ottobre 2010
di Gino Castellani

So’ ritornato jeri da Milano
Dov’ero annato a lavorà sto maggio.
Che me ne pare?… Eh, quanto ar paesaggio
Sarebbe bello: tutto accusì in piano…

Ma che vôi fà? Quanno ch’uno è romano
In ogni antra città ce sta a disaggio
E, sippuro de fôra c’è un vantaggio
De guadambià, nun ce pô stà lontano.

Je pija com’un senso… una smagnetta
Ar côre, quanno pensa a Roma sua,
Che pianterebbe tutto a daje retta!…

E io?… Si te dicessi che ciò pianto
Quanno ho rinteso: «Li mortacci tua!…»
Eh, la voce de la patria è bella tanto!