Viva li vati ricchi e titolati

220
RUGANTINO n. 12912 del 25 ottobre 2011
di Gianni Salaris

Tu ancora presti orecchio a la bucia
che li vati so’ ricchi de micragna
pe cui ner mentre la metà nun magna
l’antra metà s’abbuffa de poesia?

Ma quale fame, quale caristia?
La vita loro è un inno a la cuccagna,
fa diete a base d’ostriche e sciampagna
pe mejo stroligà la fantasia.

So’ tutti o monsignore o cavajere
o nobbile o accademico o architetto.
Io che titoli ciò? Famme er piacere.

Si vienghi a casa mia te mostrerò
li titoli che tengo ner cassetto
de li sonetti scritti inzino a mo.