Urtimi fochi

272
RUGANTINO n. 12919 del 13 dicembre 2011
di Gianni Salaris

Quer monno rosa che me so’ inzognato
quanno ch’er sole mio stava a levante
oggi è ’na boccia de speranze sfrante
che ruzzica a casaccio in mano ar Fato.

Ignotto ’sto boccone avvelenato
co la solita grinta da screpante
dell’omo-fatto che n’ha viste tante
ma più n’ha viste e meno s’è abbacchiato.

Anzi seguito a fà, da vecchio guitto,
recite a braccio e recite a soggetto
e da quirite fiero tiro dritto.

Cor nome mio a spiccà sur cartellone
inzino ar giorno che Dio benedetto
nun dirà basta e calerà er telone.