Un presepio da sarvà

264
RUGANTINO n. 12921 del 27 dicembre 2011
di Giuseppe Bernasconi

Er pastorello è córco su la scenta
cor collo storto e co ’na cianca rotta;
l’angioletto sur pizzo de la grotta
è senza l’ale; la cometa è spenta;

la vesta de San Peppe se sbrillenta…
Ch’è successo? ’Gni cosa è marridotta:
dar burino che porta la ricotta
ar còco che smucina la pulenta!

Ch’accidente de scena sorte fora?
Vòi vede ch’er presepio de Natale
rispecchia un monno che sta a annà in malora

e che fa stramutà una bell’usanza?
Ma… er Bambinello è sano! Meno male!
E ride ancora!… È un segno de speranza.