Un fatto vero

132
RUGANTINO n. 12875 del 08 febbraio 2011
di Luciano Luciani

Me venne incontro e me se strinze forte;
poi cominciò a parlamme de finzioni,
de sogni, de speranze, de illusioni,
de cose fatte bene e cose storte.

Poi me parlò de bôna e malasorte,
de fame, sofferenze e privazzioni,
de guere, de disfatte e distruzzioni
e me s’abbraccicò ’n’antre sei vorte.

Tentai de dì ’na sillabba, ma lui
s’addrizzò su’ la punta de’ li piedi
e riattaccò co’ l’antenati sui.

Finché je feci: – Parla, ucel de bosco!
Intanto sto a sentitte; poi, si credi,
presentete perch’io nun te conosco!