Tutti a votà

117

Se vota a Roma p’assegnà a la camera er seggio vacante dopo er passaggio de Paolo Gentiloni a la commissione europea perché drento li collegi uninominali nnn ce stanno antri candidati appresso ne la stessa lista. Bigna pe questo richiamà ’n’antra vorta l’elettori a votà che potrebbeno fà in modo che sii rappresentato ’n partito diverso da quello che aveva espresso er deputato ch’aveva lassato la carica. Viè cusì arterata, pure si in misura minima ma certo da nun trascurà, la geografia politica de ’n ramo der parlamento formato pe la legislatura de mo. Elezioni generali in Slovacchia, indove in attesa de lo spojo se prevede ne li sondaggi l’affermazione der partito anticorruzione de Igor Matovic, che fisserebbe la fine de la lunga superiorità sociardemocratica e la logica sostituzione der primo ministro de mo Peter Pellegrini. Cambianno discorso, er Lussemburgo è ’r primo paese ar monno a nun fa pagà li trasporti pubblichi: lo fa sapé François Bausch, ministro pe la mobilità der granducato.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Igor Matovic