Sera de marzo

147
RUGANTINO n. 12883 del 05 aprile 2011
di Giovanni Fadda

– Nina, si veramente me voi bene,
damme una prova – lui disse – vera. –
Era de marzo, guasi a primavera,
e noi… ciavemio er foco ne le vene.

E cominciò, ma nun sapevo ch’era,
tramezzo a sogni, tra speranze amene,
tra dorci inganni, tra sospiri e pene,
incominciò l’amore… quella sera!

Poi… sei sparito, quelo stesso giorno
che quer segreto dorce te svelai
e nun hai fatto… e nun farai ritorno!

Ma me rimane drento, qui ner petto,
’na fiamma viva che nun more mai:
er fijo nostro, solo mio, ch’aspetto.