San Martino

270
RUGANTINO n. 12915 del 15 novembre 2011
di Adolfo Giaquinto

Oggi ch’è San Martino pacioccone
Volemo fà l’agurio a li cornuti;
A tutti, a incumincià dar capoccione
Infinamente a l’urtimi arifiuti.

Mannamo er m’arillegro e li saluti
Nun solo a quelli, qui, der Cuppolone,
Ma a tutti l’antri che ce so’ vienuti
(Che fòrmeno un discreto battajone).

E j’auguramo a ognuno in de ’sto giorno
Che quanno j’aricacchia quarche corno
Nun sòffrino né pene né tormenti;

Perché le corna so’ come li denti:
Dòleno quanno stanno pe’ spuntà,
Ma doppo invece… ajuteno a magnà!