Riforme carcerarie

18
RUGANTINO n. 12931 del 06 marzo 2012
di Giorgio Roberti

Che vòi che sia de stabbilì un carmiere,
de fà le scole e fabbricà ospedali?
Per una società questi so’ mali
che se ponno guarì cor un cristiere.

Ministri, deputati, cardinali,
ormai nun fanno che sentì un dovere:
smorzà l’autorità der carceriere
e fabbricà priggioni libberali.

E fanno conferenze, e fanno lotte
pe’ tramutà le celle in garzonniere
operte a l’avvocati e a le mignotte.

Pe’ me ’sta carità da pescecani
je nasce solamente dar penziere
de preparasse un bucio, pe’ un domani…