Radici comuni

144
RUGANTINO n. 12887 del 06 maggio 2011
di Giorgio Roberti

Ebbrei li nostri Santi e la Madonna,
ebbreo quer Cristo che ce fa cristiani,
ebbreo Mosè che riportò in colonna
li princìpi de jeri e de domani.

Ebbrea quela speranza che circonna
er verbo de profeti più lontani,
ebbrea la gente eletta, ebbrea la fionna
che punì, co Golia, l’insurti umani.

Perciò, si er Papa nostro, che tutela
le cose de la Chiesa, ariva in Ghetto,
lo fa pe rinforzà ’sta parentela.

Lo fa perché ha capito, amico mio,
che la radice merita rispetto
perché ce lega a quelo stesso Dio.