Quer che nun ce sta più

23

Quattro filari d’arberi sfronnati,
er pergolato de ’na pizzeria;
e, su ’na collinetta fora via,
palazzi, come fonghi, incolonnati.

Chilometri de vigna rosicati
dar male peggio d’un’epidemia:
er cemento che avanza! E Roma mia
nun è più quella de li tempi annati.

Nun c’è più la campagna for de porta
che io, tra l’antro, nun ho mai veduta,
come tante bellezze de ’na vorta.

Roma è un ber quadro senza la cornice,
piagne la propia sorte e resta muta,
mostranno ar monno st’antra cicatrice.