Paolina Bonaparte

8
RUGANTINO n. 12951 del 24 luglio 2012

di Umberto Mander

Lei co’ l’amanti ce giocava a palla
che s’è sbattuta più de su’ fratello!
Com’ha fatto Canova a ritrattalla
senza che je tremasse lo scarpello?

Cusì bella da fà girà er cervello
te viè propio la voja d’attastalla,
de stuzzicalla cor tinticarello
e de provà, magari, a pizzicalla.

Guarda un po’ si che spalle e si che petto,
cusì morbida, viva e parpitante
che te la porteressi drent’ar letto.

Io penso che a Canova ’sta scurtura
j’abbi fruttato inzieme cor contante
una bella gratifica in natura.