Pace apparente

43

Donald Trump da la Casa Bianca annuncia tra l’applausi la svolta storica enorme de la ripresa de relazioni diplomatiche piene tra l’israeliani e l’emirati arabi uniti ne la prospettiva de ’no stato palestinese; je fa eco er primo ministro Benjamin Netanyahu, che parla pe conto suo de ’na giornata storica. Da Ankara parte l’attacco contro l’emirati, accusati de tradimento pe servì l’interessi particolari loro, ner tramente che da Teheran viè diramata in de la stessa direzione ’na nota der ministero de l’esteri: Abu Dhabi e Tel Aviv hanno compiuto ’n atto de stupidità strategica che rafforzerà l’asse de la resistenza in de la regione; la popolazione oppressa e tutte le nazioni libere der monno nun perdoneranno mai er regime criminale d’occupazione de Israele. Abu Mazen a nome de l’autorità nazionale palestinese condanna co forza un passo che rischia de fà schioppà l’iniziativa pe la pace e chiede ’n’immediata riunione d’emergenza de la lega araba e de l’organizzazione pe la cooperazione islamica.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Abu Mazen