Nun vojo che me tocchi

123
di Carlo Pettrich

T’aricordi, e Nì, l’occhi co’ l’occhi
se guardassimo stesi su l’erbetta
mentre che da lontano ’na chiesetta
sonava lenti lenti li rintocchi.

Io me te strensi forte e in quela stretta
T e vorsi dà un bacione co’ li fiocchi,
ma tu m’allontanassi la faccetta
strillanno: – No, nun vojo che me tocchi!

– Ma perché dichi sempre no, nun vojo,
– te feci allora – eppuro te l’ho detto
che un giorno o l’antro annamo a Campidojo. –

Tu allora me guardassi e lì a lo scuro
me susurassi cor un sorisetto:
– Allora si è così… toccheme puro.