Nun se spreca gnente

70
RUGANTINO n. 12840 del 8 giugno 2010

di Francesco Possenti

Lui strillava a la moje: – ’Sta minestra
dalla ar maiale! – Te sarai impazzito! –
urlava lei. – Si è fatta da maestra!
Sei te che ciai er palato aruzzonito! –

E lì minacce, insurti. – A ribbambito,
te metto l’ossa drento a ’na canestra! –
Poi lui l’arzò de peso, incecalito,
e la fece volà da la finestra.

Ma pe’ fortuna quela disgraziata
annò a finì su un mucchio de monnezza
che stava propio sotto, accatastata.

Passava un tale e fece: – Che pazzia!
Buttalla via me pare ’na sciocchezza.
Ancora è bòna. – E se la portò via.