Novembre

279
RUGANTINO n. 12917 del 29 novembre 2011
di Giuseppe Bernasconi

Comincia co la festa d’ognissanti
e co li morti che hai da ricordà:
in tutti li paesi e le città
se vanno a visità li composanti.

Co dieci mesi e più d’anzianità
l’anno sente li giorni più pesanti:
se staccheno le foje tritticanti
e c’’è nell’aria un po’ d’ummidità.

C’è pure un grammo d’illusion d’estate
ner mese de novembre, a San Martino,
co un paro de giornate ariscallate.

Ma, si nun basta, ciariscalla l’oste
quanno ce porta un tevere de vino
che serve p’affogà le callaroste.