Natale de Roma

90
RUGANTINO n. 12834 del 27 aprile 2010

di Giorgio Roberti

Un aratro, du’ bovi maremmani,
quattro fossi, e so’ fatti li confini.
Quelli che stanno dentro so’ romani,
quelli che stanno fòra so’ burini.

A ’sto punto li giovani sovrani
incominceno a fà li litichini:
uno è più duro de li monticiani,
l’artro somija a li tresteverini.

– Mbè, come la chiamamo? – Je mettemo
er nome mio – fa Romolo. – È più cicia
si porta quello mio! – risponne Remo.

Roma o Rema? Sbrilluccica er cortello…
Roma è nata co’ tanto de camicia,
però se perde subbito un gemello…