Monte Cavo

41
di Arnaldo Valerio Barchiesi

Quanno l’òmo vestiva co’ le pelli,
qui c’era l’acqua morta fra le sérve
indove ce ruzzaveno le berve:
nun c’ereno pe’ gnente li Castelli.

Ma un giorno, sarv’ognuno, scoppiò un tono;
tremò la terra vommitanno fòco
che poi, freddato, fece a poco a poco
un montarozzo a punta, come un cono.

Passati l’anni, quer vesuvio nero
s’aricoperse tutto de gramigne;
poi venne tera bòna pe’ le vigne:
chi beve ce lo sa si questo è vero.

Mette un po’ la solina dell’agosto;
mettece er contenuto de l’impasto
e poi dimme a novembre si che mosto!