Malinconia

29
di Placido Scifoni

Malinconia, sorella mia fedele
da nun lassamme libbero un minuto,
forse te vojo bene e sei crudele
fin da quer giorno che me so’ veduto

’sta barca sconcassata e senza vele
arenasse in un porto sconosciuto.
S’era affidata ar mare più infedele
portanno un sogno che finì sperduto.

Forse te vojo bene si me dai,
’na vorta o l’antra, la rassegnazzione
ch’oggi nun credo d’ottenella mai.

Si tu me guarirai, malinconia,
potrò davero famme ’na raggione
ch’er sogno è solamente fantasia.