L’unica ar monno

342
RUGANTINO n. 12934 del 27 marzo 2012
di Roberto Ciavarro

Parlo de Roma e a prova der contrario
me devi dì se questo nun è amore,
ché dentro sta parola ce sta er core:
un parpito dar mito leggendario!

Millenni che s’è aperto sto scenario:
come su un parcoscenico… d’attore;
qui pure un poveraccio fa er signore
e Roma je dà tutto er necessario.

Perché, se voi sapello, in fonno in fonno
je pò abbastà sortanto la presenza
e come lei nun c’è nissuna ar monno.

C’è storia der passato e der presente.
Poi chi viè qui pò fasse ’n’esperienza
e nun pò dì: – Nun ho imparato gnente!